Vethospital Centro Veterinario h24 Firenze

1594822649 img2603 edited
Il traffico di cani dall'Est Europa

Banana, la bouledogue ritratta nella foto, ora ha 5 anni, è una nostra "super-paziente" ed è stata a suo tempo uno di questi sfortunati cuccioli. 

Banana è sopravvissuta ai canili lager dove i cuccioli di ogni razza vengono ammassati a migliaia;  è sopravvissuta al trasporto in camion dove vengono stipati senza alcun riguardo cuccioli di ogni età e razza. Inoltri ha corso notevoli rischi sanitari dato che gli animali vengono trattati come oggetti e non come esseri viventi 

Non tutti i cuccioli sono però così fortunati. Molti non ce la fanno o arrivano in Italia pieni di malattie e difetti congeniti che poi creano seri problemi nella crescita.

 Dove si può cadere in queste trappole? Basta cercare cuccioli su internet e incappare in siti "specializzati" dove si trovano annunci di cuccioli di tutte le razze. 

In realtà sono allevamenti che fingono di  "allevare" (in realtà importano) cuccioli delle razze più richieste e li vendono senza uno straccio di fattura, con vaccinazioni false, in condizioni solo apparentemente buone. spesso senza microchip. Da ricordare che, per legge, un cane deve essere venduto con il microchip già inserito. 

Di solito, infatti, i poveri animali vengono dopati il giorno prima della vendita per farli apparire in forma e poi, a 24-48 ore di distanza, cominciano a mostrare svariati sintomi quali, disappetenza, abbattimento, debolezza, vomito.

Il cucciolo viene portato, quindi, in una struttura veterinaria dove viene nasce subito il sospetto di  una qualche patologia infettiva (spesso il parvovirus, una malattia virale letale se non presa in tempo). Vengono proposte cure onerose con la speranza di poterlo salvare. 

A questo punto lo sventurato neo-proprietario ricontatta lo pseudo-allevatore che, di routine, comincia a dire che nessun altro dei suoi cuccioli, per l’appunto, ha mostrato quei problemi. Inoltre, aggiunge che il veterinario che lo sta curando non lo starebbe facendo bene, che lui ha un suo medico di riferimento di fiducia e che sarebbe disposto a "ritirare" il cucciolo e darne un altro in cambio mentre le spese delle cure se le prenderebbe a carico lui, solo se riferito al suo "veterinario di fiducia". Diffidate da queste grandi bufale che vi raccontano!

Questi cuccioli vengono fatti morire, spesso di inedia, mentre viene dato all'acquirente un nuovo cucciolo sperando che non stia male...

Tutto questo succede e si ripete decine di volte all'anno in ogni ambulatorio o clinica veterinaria in tutta Italia. 

Le Forze dell'Ordine cercano di contrastare questa tratta, ma è difficilissimo riuscire a farcela laddove spesso anche i neo-proprietari non se la sentono di perseguire le vie legali dove, spesso, i trafficanti cambiano numero telefonico e spariscono. 

Inoltre, i rischi per i trafficanti di essere scoperti e puniti sono veramente irrisori rispetto alla mole di soldi a nero che fanno quotidianamente sulla pelle di questi poveri animali.

Cosa si può fare allora? In primis non si dovrebbero acquistare questi animali da venditori non affidabili; si dovrebbe sentire sempre il proprio veterinario per dare un giudizio sul libretto vaccinale del cucciolo in arrivo, sul microchip e sull'eventuale serietà dell'allevatore o pseudo-tale. 

è importante tenere a mente che chi vende razze di ogni tipo non può essere un allevatore serio. Inoltre compie illecito chi:

  • vende cani senza microchip; 
  • non produce una ricevuta o una fattura; 
  • chi asserisce che lo stesso cucciolo con pedigree ha un costo e senza uno inferiore oppure che un cane ha il pedigree o non ce l'ha. Questa storia viene inventata per convincere l'acquirente a non chiedere un foglio ufficiale come il pedigree che ovviamente dovrebbe essere falsificato.

In conclusione, se proprio si decide di acquistare un cucciolo di razza, invece di adottare un meticcio, bisogna almeno stare attenti a non essere truffati, a non dare soldi a questi delinquenti e non sostenere un traffico illegale che produce milioni di euro sulla sofferenza di questi cuccioli.